NOTIZIE
prev next

Sfida tutta al maschile tra Ricci e Cotugno, per le amministrative di Venafro, dopo il rientro delle candidature di un sindaco donna

 

Sarà ancora una sfida tra maschi per la prossima poltrona sindacale di Venafro in vista delle amministrative del 10 giugno. Nei giorni scorsi si era tanto parlato di possibili candidature di donne quale futuro primo cittadino della città, ma alla fine ogni cosa è rientrata. E così a contendersi la poltrona saranno sempre due esponenti del sesso forte ed entrambi avvocati : l’avv. Alfredo Ricci, esponente di centro che guiderà una lista civica, e l’avv. Nicandro Cotugno, anch’egli di centro ed a sua volta in cima ad uno schieramento civico. Ricci è il vice sindaco uscente e con cinque consiglieri uscenti con lui candidati mira ad una sorta di prosecuzione del lavoro svolto nella precedente legislatura. Cotugno, già sindaco sino al 2013, tenta il gran ritorno ovviamente puntando su sostanziali innovazioni.

Le due liste : “Venafro nel cuore – Cotugno  Sindaco” – Cotugno Nicandro, Sindaco – Amoroso Carmine, Barile Pasquale, Bianchi Elena, Caggiano Donata, Cantone Alfonso, Cipolla Filomena, Di Nardo Giusi, Di Vito Massimiliano, Dolcigno Alessio, Falciglia Antonio, Ferreri Anna, Galifi Gianna Enrica, Giulianelli Ludovico, Iannacone Adriano, Mancone  Carmen e Petrecca Angelo. Lista “Insieme per Venafro” – Ricci Alfredo, Sindaco – Barile Anna, Buono Annamaria, Buono Stefano, Capasso Barbato Giovanna, Cernera Antonella, De Luca Massimo, Di Cicco Gian Marco, Elcino Aurelio, Ottaviano Dario, Pascarella Ivano, Perna Marina, Simeone Oscar, Tombolini Fabrizio, Tommasone Angelamaria, Vaccone Giovanni e Valvona Marco.

Curiosità sulle liste : in totale tra i due schieramenti sono undici i candidati uscenti che si ripropongono al voto popolare, per cui ci sarà comunque gran rinnovamento e tante facce nuove nella prossima assemblea amministrativa venafrana, attesa a dare risposte concrete alla collettività. Nei prossimi giorni le dichiarazioni dei due candidati sindaci, Ricci e Cotugno.

Tonino Atella